Dopo più di tre anni di lavoro, il membro della Presidenza Josep Pla de la Universitat de Girona Francesc Montero (nella foto) ha presentato il libro "Ottenere tutte le possibili illusioni e altre note sparse", che raccoglie testi inediti Writer Ampurdanés lo stanno mostrando come un "Catalanista granitico". EFE

Barcellona, ​​21 nov (EFE) .- Dopo più di tre anni di lavoro, il membro della Cattedra Josep Pla dell'Università di Girona Francesc Montero ha presentato il libro "Ottenere tutte le possibili illusioni e altre note sparse", che raccoglie Ampurdanés scrittore testi inediti che lo ritraggono come un "Catalanista granitico".

È scritto dagli anni 1950 e 1960, che sono stati lasciati nel cassetto e che non erano stati pubblicati nel dodicesimo volume delle opere complete, "sparsi note," alcuni di loro, tuttavia, ottenere il lettore, mentre altri erano in "altre fasi di lavorazione".

Il direttore della cattedra, Xavier Pla, ha dichiarato oggi che "ci sono due elementi ideologici pena sottolineare, in quanto si tratta di un Catalanista radicalmente Pla, non nazionalista, fortemente influenzato da Jaume Vicens Vives, con una vista molto critico regime di Franco, che dice che è abietto in una lettera del 1959".

A questo punto, ha riconosciuto che si tratta di un manoscritto che Pla stesso probabilmente sapeva che non sarebbe la censura "ma quello che ha pensato in privato, che mostra un catalanismo 'picada pedra" (pietre tagliate).

In questi testi, ora pubblicato in catalano e castigliano Destinazione, autore di Palafrugell (Girona) raggiunge la cattura nero su bianco: "La Spagna, con la stabilizzazione e la libertà economica sembra aver ridotto al minimo, almeno da un esteriormente visualizzare i fatti vistosi del mercato nero, è una palude di merda di dimensioni enormi "in cui" le autorità sono semplicemente stabili ispettori manutenzione merda".

Francesc Montero ha indicato che tra le migliaia di manoscritti che conserva il Pla Fondazione Josep erano questi testi, che è stata la fascicolazione per vedere che cosa era già stata pubblicata in precedenza e che non sono, anche se alcuni "aveva addirittura superato il correttore".

Allo stesso tempo, ha sottolineato che si tratta di "testi con l'ambizione letteraria, che si collegano con quelli inclusi nelle 'Note sparsi un po', con la scrittura e chiaramente legate al genere e il loro fratello".

A suo avviso, sono un "letterariamente elaborato, molto diretto, senza imbuti, molto critico, che non aveva superato il filtro della censura o non erano auto-censurata" testi.

In un capitolo, v'è un "auto-critica della società catalana, una riflessione sulla mentalità catalana, che vede il frutto di tre secoli di dominazione e il bilinguismo, che, tuttavia, non hanno ottenuto via con questa personalità."

D'altra parte, comprende note sulle parti interne della rivista Destino, ci sono valutazioni della cultura catalana e alla letteratura degli anni cinquanta e sessanta, con opinioni come poeta Josep Carner dovrebbe tornare Catalogna e non ha più senso per continuare esilio.

Allo stesso tempo, ci sono considerazioni sulle relazioni che si stabiliscono tra uomini e donne, ci sono note anche su erotismo o ricordi di alcune delle sue relazioni, come aveva fatto con Aurora Perea.

Montero ha sostenuto che essi sono tutti ritrovamento di un "sguardo disincantato, ironico, sagace, critico e sensibile osservatore della realtà", sempre dalla sua "pensione" Mas Pla in Llofriu, diventano un "grafomane impulsivo".

Lo studioso ritiene pertanto che "ci sono ragioni per giustificare la pubblicazione di questi testi, un granitico Catalanista Pla, senza soluzione di continuità, implacabile, ma, allo stesso tempo, consapevoli della complessità della situazione, le difficoltà della cultura da Catalano a rimanere in vita e consapevole degli sforzi che sono stati fatti. "

Per Montero, "si tratta di un Pla molto moderno, che continua a suscitare interesse, 35 anni dopo la sua morte, il più importante catalana di prosa della letteratura del ventesimo secolo."

Il fatto che questi testi che disegnano i Ampurdanés come "granitico Catalanista" appaiono ora, quando era una persona che ha collaborato con il regime di Franco, editor di Jordi Cornudella ha detto che "non v'è alcuna operazione di controllo a distanza, ma stiamo pubblicando ciò che si sta comparendo grazie a studi negli ultimi anni".

Xavier Pla, nel frattempo, lo vede come qualcuno che faceva parte della parte vincente della guerra civile, ma "come scrittore catalano sconfitto, è un vincitore sconfitto."

Grazie al lavoro del Piano Sedia, si prevede che 2018 pubblicherà epistolario tra l'autore di "Grey Notebook" e Gaziel, e studi pubblicati in futuro l'adolescenza che aveva con Francesc de Borja Moll, Jaume Vicens Vives e Joan Estelrich .

es

WordPress

CONDIVIDERE

Stiamo lavorando su un sistema per migliorare la qualità del sito web e premiare gli utenti attivi controllando articoli, notizie e qualità, grazie per il miglioramento Business Monkey News!

Se l'articolo è sbagliato, questo mal tradotto o informazioni mancanti, è possibile modificarlo, notificare un commento (correggeremo) oppure è possibile Visualizza l'articolo originale qui: (Articolo in lingua originale)

Le modifiche saranno aggiornate in 2 ore.

Modifica brano